Trump può spingere la Fed a cambiare linea d’azione?

Per Donald Trump i rialzi dei tassi di riferimento operati dalla banca centrale statunitense (Fed) sono una vera spina nel fianco. A più riprese ha aspramente criticato la Fed per questa linea d’azione. Tuttavia, il Presidente non può influenzare direttamente le decisioni della banca centrale in materia di politica monetaria. Non gli resterebbe che esercitare un influsso indiretto operando una selezione mirata dei candidati governatori da proporre al senato per la nomina alla Fed. Eppure finora Trump ha sempre scelto candidati neutrali.

Continuare a leggere

Previsioni sui tassi: i tassi continueranno ad aumentare

Mentre la Banca Nazionale Svizzera (BNS) in occasione della sua più recente valutazione trimestrale della situazione ha lasciato invariato ancora una volta il tasso di riferimento, il rendimento dei titoli decennali della Confederazione Elvetica quest’anno è decisamente aumentato. A fronte dell’attuale contesto macroeconomico, prevediamo il proseguimento graduale e moderato della tendenza al rialzo.

Continuare a leggere

Previsioni sui tassi d’interesse: ancora lontana una svolta sul fronte dei tassi

Il franco svizzero ha perso terreno, ma la Banca Nazionale Svizzera (BNS) conferma i tassi negativi. Nella sua recente valutazione della politica monetaria, il presidente della BNS Thomas Jordan ha difeso il corso seguito sinora. Nel frattempo il Libor si è consolidato sui minimi storici, mentre non si esclude che i tassi delle ipoteche fisse con lunghe durate tendano al rialzo.

Continuare a leggere

Addio Libor

L’obbligo di comunicare il Libor, il principale tasso di riferimento in Svizzera, sarà abolito per l’inizio del 2022. Gli attori dei mercati finanziari hanno quindi il compito di trovare un tasso di riferimento alternativo. Il Saron ha le migliori chance di affermarsi nella corsa alla successione del Libor in Svizzera.

Continuare a leggere

Carenza di organico presso la Fed

Il Consiglio dei governatori (Board of Governors) della Banca centrale USA (Fed) accusa attualmente una forte carenza di organico: almeno tre dei sette seggi del Comitato direttivo che affianca la presidente Janet Yellen sono infatti vacanti. Con la scadenza del mandato di Yellen il prossimo febbraio 2018, il presidente Trump avrà l’opportunità unica di nominare la maggioranza dei governatori. La scelta dei collaboratori da parte del presidente USA potrebbe influenzare l’ulteriore modus operandi della Fed. Non avrebbe invece conseguenze a breve termine sullo scenario dei tassi in Svizzera.

Continuare a leggere

Previsioni sui tassi d’interesse: lieve tendenza al rialzo per le scadenze lunghe

L’acquisto imminente di un immobile di solito va di pari passo con la questione del giusto finanziamento. Nella scelta di un’ipoteca adeguata è opportuno tenere conto dell’andamento della politica monetaria e delle tendenze del mercato dei tassi. A tale proposito vi rimandiamo alle previsioni sui tassi pubblicate trimestralmente dalla Banca Migros.

Continuare a leggere