Il palladio vola

Dal 2016 il metallo prezioso bianco-argenteo ha registrato un notevole rincaro. Dietro al rally delle quotazioni vi sono la solida domanda proveniente dal settore automobilistico e una carenza di offerta. Dopo lo spettacolare aumento, tuttavia, si attende da tempo una correzione.

Continuare a leggere

Il comportamento di risparmio dei minori di 30 anni

La grande maggioranza dei giovani dai 18 ai 29 anni risparmia regolarmente. È quanto emerge da un sondaggio rappresentativo condotto dalla Banca Migros. E da cui risulta anche un altro dato: per raggiungere i loro obiettivi di risparmio, i giovani ricorrono soprattutto al conto di risparmio, anche per le mete a lungo termine, per le quali si presterebbero meglio gli investimenti sul mercato finanziario.

Continuare a leggere

La fattura QR getta un ponte tra il mondo cartaceo e quello digitale

In Svizzera il traffico pagamenti viene costantemente armonizzato e modernizzato. In tal modo la Svizzera si adegua alle future esigenze del mercato. Ad esempio con la fattura QR, leggibile in formato digitale e che a partire dal 30 giugno 2020 sostituirà progressivamente tutte le attuali polizze di versamento, per le quali non è ancora stata definita una data di scadenza ufficiale.

Continuare a leggere

Ecco come risparmiano i cittadini svizzeri

La maggior parte dei cittadini svizzeri risparmia con regolarità. Questo è il risultato di un sondaggio rappresentativo condotto dalla Banca Migros. Per molti degli intervistati prevale l’idea di sicurezza e quindi il denaro viene investito per lo più sul conto di risparmio. Tuttavia, dopo aver dedotto l’inflazione, il tasso d’interesse di risparmio non consente una crescita reale del patrimonio nei prossimi anni, come dimostra uno studio della Banca Migros a integrazione del sondaggio.

Continuare a leggere

Che cosa succederà dopo l’uscita della Gran Bretagna dall’Unione europea?

La Gran Bretagna lascia l’Unione europea alla fine di gennaio. Nel periodo di transizione che durerà fino alla fine del 2020, quasi tutto resterà invariato, poiché Londra e Bruxelles desiderano negoziare un accordo di libero scambio il più ampio possibile. Tuttavia, alla fine di dicembre potrebbero verificarsi grandi cambiamenti alla scadenza del periodo di transizione.

Continuare a leggere