La Cina in lotta con il Covid

Nonostante gli elevati costi sociali ed economici, la Cina non fa passi indietro nella sua strategia «zero Covid». A scapito anche dell’economia globale.

Con il suo aggrapparsi intransigente alla strategia «zero Covid», il governo cinese ha imposto a decine di regioni e a centinaia di milioni di abitanti un lockdown parziale o totale dall’inizio dell’anno. Omicron, la variante altamente contagiosa del coronavirus, continua a diffondersi a un ritmo sostenuto nonostante le severe misure di protezione e sta portando il Regno di Mezzo sull’orlo di una catastrofe sociale e sanitaria. 

Sono numerose le ragioni per cui il governo cinese continua a seguire la controversa politica di tolleranza zero, nonostante l’alto livello di sofferenza della popolazione. È pur vero che la Cina ha uno dei tassi di vaccinazione più alti al mondo, pari a circa il 90%, e che quasi la metà della popolazione ha ricevuto la dose booster. Ma gli antidoti cinesi offrono una protezione significativamente più debole rispetto ai loro omologhi occidentali. Stando a un’analisi condotta mediante modelli della rinomata Fudan University di Shanghai, nel giro di poco tempo il sistema sanitario cinese si troverebbe in una situazione di sovraccarico completo, con un’epidemia ormai sfuggita di mano, soprattutto nelle regioni rurali, dove le infrastrutture mediche sono molto più rudimentali di quelle delle città. Il ricorso a vaccini occidentali potrebbe, d’altra parte, alleviare il problema, ma è difficilmente concepibile alla luce delle preoccupazioni di politica interna. Per riuscire a gestire in qualche modo l’ondata di Omicron, il governo cinese non può evitare di affidarsi ulteriormente a misure protettive restrittive.

Crescono i costi economici

Le conseguenze economiche dei lockdown affiorano nel frattempo nei dati sull’andamento economico. Le cifre pubblicate lunedì scorso sui fatturati delle vendite al dettaglio e sulla produzione industriale sono state nettamente più deboli del previsto e mostrano che la lotta contro il coronavirus peserà sull’economia cinese più di quanto ipotizzato finora. L’obiettivo di crescita del governo del 5,5%, e si noti bene che è il più basso degli ultimi 30 anni, si sta allontanando sempre di più con l’ondata della pandemia, nonostante le selettive misure di stimolo del governo. Tanto più se si pensa che l’importante settore immobiliare attraversa ancora una profonda crisi. Ci si può quindi attendere che il governo fornisca un maggiore sostegno all’economia nei prossimi mesi. Resta però discutibile l’effettiva efficacia delle misure di stimolo nella situazione attuale.

Le difficoltà a cui va incontro Pechino nella lotta contro il virus stanno lasciando il segno anche nell’economia globale. È così improbabile che la seconda economia mondiale assuma come di consueto il ruolo di motore della crescita. Oltre all’aumento dei rischi economici in Europa, la debolezza della crescita in Cina va a incrementare notevolmente le attuali preoccupazioni per la crescita. In aggiunta, i lockdown in Cina impediscono la ripresa delle catene di approvvigionamento. Un ulteriore aggravio delle strozzature negli approvvigionamenti potrebbe prolungare l’inflazione e costringere le banche centrali a inasprire la politica monetaria in modo ancora più aggressivo, con relative conseguenze negative per la crescita economica e i mercati azionari.

The table shows the declining retail sales in China since April 2021.

Avvertenze legali
Le informazioni contenute nella presente pubblicazione della Banca Migros SA si limitano a scopi pubblicitari e informativi ai sensi dell’art. 68 della Legge sui servizi finanziari. Non sono il risultato di un’analisi finanziaria (indipendente). Le informazioni ivi contenute non costituiscono né un invito né un’offerta né una raccomandazione ad acquistare o vendere strumenti di investimento o a effettuare determinate transazioni o a concludere qualsiasi altro atto legale, bensì hanno carattere unicamente descrittivo e informativo. Le informazioni non costituiscono né un annuncio di quotazione né un foglio informativo di base né un opuscolo. In particolare, non costituiscono alcuna raccomandazione personale o consulenza in investimenti. Non tengono conto né degli obiettivi d’investimento né del portafoglio esistente né della propensione al rischio o della capacità di rischio o della situazione finanziaria o di altre esigenze particolari del destinatario. Il destinatario è espressamente tenuto a prendere le proprie eventuali decisioni d’investimento basandosi su indagini individuali, compreso lo studio dei fogli informativi di base e dei prospetti giuridicamente vincolanti, o sulle informazioni ottenute nell’ambito di una consulenza in investimenti. La documentazione giuridicamente vincolante dei prodotti, se richiesta e fornita dall’emittente, è ottenibile tramite http://www.migrosbank.ch/bib. La Banca Migros non si assume alcuna responsabilità in merito all’esattezza o alla completezza delle informazioni fornite e declina qualsivoglia responsabilità per eventuali perdite o danni di qualsiasi natura, che potrebbero derivare dall’utilizzo delle presenti informazioni. Le informazioni riportate rispecchiano esclusivamente un’istantanea dei dati al momento della pubblicazione ed escludono pertanto qualsiasi adeguamento automatico a cadenza regolare.

Contributi analoghi